Area Rebus / Artisti in tour

Michael M. Smith & Friends

Michael M Smith & Friends
  • Genere:
  • 15 dicembre 2017 - 2 gennaio 2018
  • Esclusiva Europea
  • Formazione: Michael M. Smith; Elizabeth Terrell; Johnny Lassiter II; Jessica Payne
  • Line up: Michael M. Smith - lead vocals & keyboards; Elizabeth Terrell - vocals & percussions; Johnny Lassiter II - vocals & cajon; Jessica Payne - vocals & bass guitar
  • Sito internet:www.michaelmsmith.com

Video

Nato nel 1964 a Charleston, South Carolina, terra di radicate tradizioni Spiritual e Gullah, risiede oggi in Virginia, dove è attivo come pianista, cantante, compositore e produttore.
E’ considerato come uno dei Minister of Music più promettenti dell’area di Norfolk, dove esercita attualmente come Minister presso la Gethsemane Community Baptist Church insegnando piano e canto. Raggiunge la fama a livello nazionale grazie al suo primo lavoro discografico da solista pubblicato nel 2005 “Worship Of a Redeemed Man” co-prodotto da Ike Owens e Kasey Square, dove Michael mescola sapientemente la preghiera sentita ed appassionata con arrangiamenti e stile Gospel contemporaneo, con atmosfere cariche di soul e gusto tradizionale. I suoi pezzi originali sono regolarmente trasmessi da molte stazioni radio. Grazie alla sua profonda conoscenza della musica sacra in genere, del gospel e di altre musiche cristiane, Michael Smith riesce a coinvolgere un vasto pubblico. Come suo personale obiettivo artistico, Michael si adopera per creare un ponte tra il Gospel e gli altri generi di musica cristiana, toccando la sensibilità dei credenti di molte culture diverse, non trascurando l’ispirazione proveniente anche da ambienti come il “country” . In seguito alle esperienze di partecipazione a conferenze, convention e vari gruppi di preghiera, Smith nel 2010 pubblica “Bigger Than I Imagined”, ampiamente influenzato anche dal suo primo contatto con il pubblico europeo, che lo ha fortemente incoraggiato e motivato. Il CD contiene una personale testimonianza di devozione che viene ripresa dal successivo live “Worship Unplugged” in cui Smith parte sempre dalla propria esperienza individuale per riproporre un messaggio più universale. Mentre molti artisti contemporanei producono musica Gospel appositamente per metterla a disposizione di chi difficilmente si avvicinerebbe alla chiesa, la convinzione e l’intento di M.Smith sono essenzialmente più legati alla produzione di musica come preghiera che contenga un messaggio universale.