Area Rebus / Artisti Area Rebus

Dexter D. Cohen, IEI
  • Genere: | 15 - 31 dicembre 2014, Europea
  • Formazione: Ahisa Yavonne Henry - piano/vocal, Casey Janice Hobbs - vocal, Tiffany Cassandra Nealy - vocal, Ciara Titonya Parker - vocal, Simon Richardson - bass, Eugene Alexander Peoples - drums
  • Sito internet: http://www.cdbaby.com/cd/4love2

4LOVE è un gruppo formato nel 2005 da quattro giovani cantanti provenienti da Atlanta, con diverse formazioni ed esperienze musicali che vanno dal jazz allo spiritual.
Le accomuna la passione per la musica Gospel nelle sue più varie espressioni, dal suono tradizionale di Chiesa alle atmosfere urbane più contemporanee, che trovano coesione nella loro padronanza della scena, nella spontanea capacità comunicativa e nella sorprendente miscela delle voci.
Dopo il notevole successo del tour dello scorso anno, ritornano in formazione allargata a 6 elementi con aggiunta della sezione ritmica per uno spettacolo, se possibile, ancora più coinvolgente e dinamico.

Cora_Tour_Italy_2012

Earl Bynum produttore, autore, insegnante, già conosciuto in Italia come direttore del coro Virginia Mass Choir, torna con la sua storica formazione As We Are e ripresenta, come nelle eccellenti tournee del 2010 e del 2011, la collaborazione con una delle più interessanti voci femminili gospel della East Coast Cora Harvey Armstrong.

liz_yancey_photo_cd_cover_pic

Elizabeth “Liz” Yancey, cantante, compositrice e insegnante, è artista che si distingue come performer per un suo personale stile e timbro vocale, oltre ad una grande versatilità nell’affrontare diversi stili, dallo spiritual al soul, dal Gospel contemporaneo al jazz.

hope askew_2
  • Genere: | 15 - 31 DICEMBRE 2014, Esclusiva Europea
  • Formazione: Hope Askew, Cyreeta Hannah, Ray Braswell Jr., Terence Fuller
  • Sito internet: http://www.hopeaskew.com/

Proveniente da Portsmouth (VA), con 3 singoli di stampo R & B e 3 CD all’attivo Hope Askew è riconosciuta come artista gospel di ispirazione urbana. Grazie al singolo “You are the One” è stata inserita tra i Top 40 artisti gospel degli USA secondo Billboard Charts.
Il nuovo singolo “RELEASE ME” la consoliderà poi come artista emergente del panorama Gospel nazionale.
Nominata Virginia Female Artist of the Year e Best Gospel Artist nel 2012, ha condiviso il palco con artisti del calibro di Andrae Crouch, Marvin Sapp, Fred Hammond, Donald Lawrence & TRICITY, Dwayne Woods, J. Moss, Ty Tribbett e molti altri!
In formazione “atipica” a quartetto con piano e basso, in questo tour Hope Askew si presenta per la prima volta in Europa con un repertorio che unisce i brani della tradizione Gospel/Spirituals con composizioni contemporanee aperte ad influenze R&B e Soul.

kevin lemons cover

Dotato musicista, direttore ed arrangiatore, Kevin S. Lemons è originario di Atlanta, dove cresce in una famiglia di grandi tradizioni musicali, cominciando dalla nonna Mrs. Ruth Lemons, fondatrice nel 1942 del tuttora esistente Atlanta Masonic Choir, successivamente diretto da suo padre e in cui lui stesso ha avuto le prime fondamentali esperienze musicali.

Nel 1996 Kevin inizia la propria carriera solista, organizzando e dirigendo “Higher Calling” , un affiatato coro allora composto per lo più da amici riuniti in una piccola chiesa. Con loro inizia a muoversi in tournee creandosi una immagine ed un sound originale, diffondendo il loro messaggio di amore, solidarietà e di evoluzione spirituale. Pubblicano il primo cd “Destined For Greatness” con l’omonimo singolo che spopola sia tra i radio network che nelle stazioni web, anche grazie alla versione successivamente pubblicata da Ricky Dillard and New Generation .

Oggi la formazione conta 65 elementi ed è considerato tra le eccellenze del panorama gospel nazionale in USA, per potenza, stile, qualità dei solisti e particolare gusto negli arrangiamenti dei brani originali e tradizionali. Kevin Lemons & Higher Calling hanno condiviso la scena di Convention e concerti con grandi nomi del Gospel contemporaneo quali Dr. Bobby Jones, Fred Hammond, Ricky Dillard, Hezekiah Walker, The Clark Sisters, DeWayne Woods, James Hall, Donald Lawrence, O’Landa Draper, Canton Spirituals, Pastor William Murphy, Vashawn Mitchell, e molti altri. Inoltre, come importante affermazione a livello nazionale, Lemons è stato ospitato alle trasmissioni televisive di BET’s Bobby Jones Next Generation, Gospel Music Channel’s, ed al Gospel Superfest. Il coro ha anche preso parte alla Thomas Dorsey Convention, GMWA, The Full Gospel Baptist Church Conference, Rhythm of Gospel Awards, e COGIC Convocation. Il loro secondo progetto discografico “Declaration” è stato pubblicato l’anno scorso ed ha avuto un considerevole esordio al 10° posto in classifica delle Billboard Gospel Charts ed al 4° posto sulle iTunes Gospel Charts. Il singolo Prayer And Faith e la title track Declaration stanno tutt’ora avendo una ottima rotazione in molte radio dedicate al Gospel. Con questa selezione a sette elementi con sezione ritmica del coro Higher Calling, Lemons si propone in questa tournee italiana una sorta di ritorno agli inizi della sua attività, presentando sia composizioni originali che classici del repertotio Gospel di fama internazionale.

Michael M Smith & Friends
  • Genere: | 15 dicembre 2017 - 2 gennaio 2018, Esclusiva Europea
  • Formazione: Michael M. Smith; Elizabeth Terrell; Johnny Lassiter II; Jessica Payne
  • Sito internet: www.michaelmsmith.com

Nato nel 1964 a Charleston, South Carolina, terra di radicate tradizioni Spiritual e Gullah, risiede oggi in Virginia, dove è attivo come pianista, cantante, compositore e produttore.
E’ considerato come uno dei Minister of Music più promettenti dell’area di Norfolk, dove esercita attualmente come Minister presso la Gethsemane Community Baptist Church insegnando piano e canto. Raggiunge la fama a livello nazionale grazie al suo primo lavoro discografico da solista pubblicato nel 2005 “Worship Of a Redeemed Man” co-prodotto da Ike Owens e Kasey Square, dove Michael mescola sapientemente la preghiera sentita ed appassionata con arrangiamenti e stile Gospel contemporaneo, con atmosfere cariche di soul e gusto tradizionale. Mentre molti artisti contemporanei producono musica Gospel appositamente per metterla a disposizione di chi difficilmente si avvicinerebbe alla chiesa, la convinzione e l’intento di M.Smith sono essenzialmente più legati alla produzione di musica come preghiera che contenga un messaggio universale.

MLStevenson3

Artista di estrazione moderna Monica Lisa Stevenson riesce però a cogliere ed interpretare nella loro massima espressione l’essenza e lo spirito religioso del Gospel tradizionale.

highres-Tammy McCann- blk1
  • Genere: | 14 - 30 dicembre 2017, esclusiva europea
  • Formazione: Tammy McCann; Kelly Longmire; Miriam Sullivan; Amber Smith; Clifton Wallace; Kenneth Davis
  • Sito internet: http://www.tammymccann.com/

Tammy McCann, ha iniziato la sua carriera come musicista classico ma sin da piccola il Gospel ed il Jazz riempivano il suo cuore.
Dopo aver calcato per anni i palchi europei con la sua formazione Gospel nei primi anni 2000 si dedica intensamente al Jazz ove riesce ad esprimere a fondo il proprio eccellente talento vocale.
Nominata “Best Jazz Vocal Performance” per diversi anni dal Chicago Tribune, Tammy è un’interprete jazz internazionalmente riconosciuta, che ha una voce potente, affettuosa e emotivamente carica, dipinge immagini e racconta storie unendo la tecnica vocale classica e l’estetica del Vangelo con Jazz per creare un suono completamente del tutto proprio. Il critico d’arte di Chicago Tribune, Howard Reich dice McCann, “Una voce che si diffonde in tutti i registri, a tutti i tempi, in tutte le occasioni … una voce che ispira la meraviglia!”
McCann ha entusiasmato il pubblico nei festival e club di tutto il mondo così come nelle principali sedi del Jazz come Birdland, The Blue Note, Lincoln Center e la Jazz Showcase di Chicago.
Dopo anni ritorna al primo amore, il Gospel, riproponendo con la rinnovata formazione The Voices of Glory, lo spettacolo dal titotlo “Tribute to Mahalia Jackson”, ancora una volta accompagnata al piano dal Maestro William Kilgore. Lo spettacolo è denominato “tributo a Mahalia Jackson”, artista della quale Tammy McCann ha sempre sentito l’influenza e dalla quale ha tratto ispirazione durante tutta la sua carriera, unitamente alle influenze del Gospel tradizionale. Alla grande Mahalia sarà dedicata gran parte del repertorio presentato nel corso della prossima tournee italiana.